Si pagano commissioni ai broker del trading binario?

Commissioni broker binari: un dubbio legittimo

Il trading binario è additato come il luogo di truffe e di imbrogli, per lo più a carico della gente comune che intende avvicinarsi a questo tipo di attività. La maggior parte delle accuse, sia chiaro, è tendenziosa ma è legittimo pensare che in qualche parte del regolamento si possa annidare una clausola circa il pagamento delle commissioni. A questo punto, il dubbio è legittimo: si pagano commissioni ai broker? La risposta è molto articolata, dal momento che il termine in sé è piuttosto ambiguo e può dare adito a dei fraintendimenti.

Anche perché altri istituti specializzati nell’intermediazione con le commissioni ci guadagnano, e pure tanto. Le banche, per esempio, fanno lievitare spesso le spese aggiuntive, soprattutto quando abbassano il livello dei tassi di interesse (una sorta di compensazione).

Il funzionamento di una banca, tuttavia, non ha nulla a che vedere con quello dei broker, sicché è necessario procedere con un’analisi accurata, che esplori caso per caso.

Si pagano commissioni ai broker: non tutti i broker sono uguali

Si pagano commissioni ai broker? Un metodo di indagine potrebbe essere quello di verificare l’esistenza delle commissioni in vari momenti dell’interazione trader-broker, e vedere se realmente una certa cifra – in termini percentuali o assoluti – vada corrisposta.

Va specificato, comunque, che i broker, pur essendo regolati da meccanismo simili e avendo un obiettivo in comune (inutile negarlo, guadagnare), presentano molte differenze tra di loro. Il panorama dell’intermediazione “binaria” non è affatto omogeneo.

Commissioni ai broker del trading binario: un’analisi caso per caso

Uno dei momenti critici è l’apertura del conto, e lo stesso di può dire della chiusura. Si pagano commissioni in questi casi?

La stragrande maggioranza delle banche impongono il pagamento di un tributo, piccolo o grande che sia. Nella fattispecie delle opzioni binarie, l’attività di chiusura o apertura del conto è molto più semplice. Dunque no, nessun broker (tra quelli regolamentati) impone il pagamento di una commissione per aprire e chiudere un account.

  • Gestione del conto. Tutte le banche, a meno che non promuovano un’offerta, richiedono delle commissioni per mantenere il conto aperto, in genere organizzati in un canone. Non è il caso delle opzioni binarie: non si segnalano broker che richiedono denaro per la gestione dell’account.
  • Apertura delle posizioni. La faccenda qui è un po’ più complicata. In genere i broker delle opzioni binarie non impongono alcuna spesa, ma è anche vero che altrove, “poco distante”, le commissioni si pagano, sebbene non sempre. Come nel Forex, ad esempio.
  • Deposito e prelievo. La questione è meno complessa ma non per questo più favorevole. Buona parte dei broker richiede il pagamento di una commissione per movimentare il denaro. Va detto, però, che se le condizioni sono troppo stringenti, è alta la probabilità di trovarsi di fronte a un broker disonesto.

Altre guide e consigli sul trading binario

Broker 24Option, recensione dell’offerta 2017 Broker 24Option: la questione delle formazione Il panorama dei broker delle opzioni binarie è affollato. Purtroppo, è affollato anche da broker disonesti che, da soli, sono in grado di gettare delle ombre sull’intera categoria. Eppure evitarli e semplice, ed è altrettanto semplice riconoscere quelli onesti ed efficienti. Tra questi troviamo propri...
Trading Binario con Plus500: Recensioni e trucchi per guadagnare Cos'è il forex? Il forex è apprezzato da tutti quelli che cercano un metodo per giocare in borsa senza il rischio di titoli e soprattutto non dovendo utilizzare grandi cifre per investimento iniziale. Per chi ancora non conoscesse questo mondo possiamo provare a dare una piccola spiegazione per capire in pratica in cosa consiste questo tipo di gio...
24Option Consob: prima di tutto l’affidabilità del broker 24Option Consob: uno dei migliori enti regolatori Le opzioni binarie sono un comune strumento di trading. Certo, il mercato non è esente dal pericolo truffa, ma è sufficiente scegliere il proprio broker con oculatezza. Un buon modo è verificare il possesso di una licenza. E’ una condizione necessaria ma non sufficiente, specie se l’ente regolatore ...
Broker autorizzati Consob Cos’è la Consob e perché può autorizzare i broker di trading online? La Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - è l'organo italiano preposto a vigilare sugli istituti finanziari. Il suo compito principale è quello di garantire il risparmio e, per raggiungere questo obiettivo, attua approfonditi controlli sia sui prodotti finanzia...
www.24option.com quali i servizi offerti Cos’è www.24option.com 24option è uno dei più famosi broker di trading presenti nel web, che consente di operare sui principali asset: indici, azioni forex, materie prime, ecc. La piattaforma, fra le più performanti del mercato, è totalmente in lingua italiana e offre un servizio di assistenza completo. Appena registrato, l’utente viene contattato...
Plus500 Opinioni: Recensione, come funziona e tasse Al giorno d'oggi migliaia di investitori, risparmiatori e semplici utenti del web sentono quotidianamente parlare di un'attività da svolgere on-line: il trading. Questo anglicismo in realtà non rappresenta altro che la compravendita di strumenti finanziari, realizzabile su varie piattaforme presenti in rete e che presentano opportunità e condizioni...