Si pagano commissioni ai broker del trading binario?

Commissioni broker binari: un dubbio legittimo

Il trading binario è additato come il luogo di truffe e di imbrogli, per lo più a carico della gente comune che intende avvicinarsi a questo tipo di attività. La maggior parte delle accuse, sia chiaro, è tendenziosa ma è legittimo pensare che in qualche parte del regolamento si possa annidare una clausola circa il pagamento delle commissioni. A questo punto, il dubbio è legittimo: si pagano commissioni ai broker? La risposta è molto articolata, dal momento che il termine in sé è piuttosto ambiguo e può dare adito a dei fraintendimenti.

Anche perché altri istituti specializzati nell’intermediazione con le commissioni ci guadagnano, e pure tanto. Le banche, per esempio, fanno lievitare spesso le spese aggiuntive, soprattutto quando abbassano il livello dei tassi di interesse (una sorta di compensazione).

Il funzionamento di una banca, tuttavia, non ha nulla a che vedere con quello dei broker, sicché è necessario procedere con un’analisi accurata, che esplori caso per caso.

Si pagano commissioni ai broker: non tutti i broker sono uguali

Si pagano commissioni ai broker? Un metodo di indagine potrebbe essere quello di verificare l’esistenza delle commissioni in vari momenti dell’interazione trader-broker, e vedere se realmente una certa cifra – in termini percentuali o assoluti – vada corrisposta.

Va specificato, comunque, che i broker, pur essendo regolati da meccanismo simili e avendo un obiettivo in comune (inutile negarlo, guadagnare), presentano molte differenze tra di loro. Il panorama dell’intermediazione “binaria” non è affatto omogeneo.

Commissioni ai broker del trading binario: un’analisi caso per caso

Uno dei momenti critici è l’apertura del conto, e lo stesso di può dire della chiusura. Si pagano commissioni in questi casi?

La stragrande maggioranza delle banche impongono il pagamento di un tributo, piccolo o grande che sia. Nella fattispecie delle opzioni binarie, l’attività di chiusura o apertura del conto è molto più semplice. Dunque no, nessun broker (tra quelli regolamentati) impone il pagamento di una commissione per aprire e chiudere un account.

  • Gestione del conto. Tutte le banche, a meno che non promuovano un’offerta, richiedono delle commissioni per mantenere il conto aperto, in genere organizzati in un canone. Non è il caso delle opzioni binarie: non si segnalano broker che richiedono denaro per la gestione dell’account.
  • Apertura delle posizioni. La faccenda qui è un po’ più complicata. In genere i broker delle opzioni binarie non impongono alcuna spesa, ma è anche vero che altrove, “poco distante”, le commissioni si pagano, sebbene non sempre. Come nel Forex, ad esempio.
  • Deposito e prelievo. La questione è meno complessa ma non per questo più favorevole. Buona parte dei broker richiede il pagamento di una commissione per movimentare il denaro. Va detto, però, che se le condizioni sono troppo stringenti, è alta la probabilità di trovarsi di fronte a un broker disonesto.

Altre guide e consigli sul trading binario

Trading Online News: il Broker Trading Degiro rivoluziona l’Italia Novità in arrivo nel mondo del trading online, infatti tra i broker trading in più rapida crescita nel panorama internazionale emerge l’olandese Degiro. Broker Trading Degiro: che cos'è Fondato nel 2008, il broker trading Degiro inizialmente si rivolgeva solo ai traders istituzionali, tuttavia nel 2013 ha ampliato l’offerta dei propri servizi anc...
Come guadagnano i broker di opzioni binarie? Come guadagnano i broker delle opzioni binarie Gestire una piattaforma di trading su opzioni binarie ha dei costi piuttosto elevati, basti pensare alle spese legate al pagamento dei dipendenti e ai costi relativi la manutenzione della piattaforma stessa. Trattandosi di imprese commerciali è sottinteso inoltre che queste debbano anche ottenere dei g...
I vantaggi dei broker regolamentati: quali sono e perché sceglierli Broker regolamenti Cysec, Consob e altri: le ragioni di una direttiva I vantaggi dei broker regolamentati: quale partner scegliere. Il panorama dei broker è molto eterogeneo, quindi che esistano le classiche mele marce è fisiologico. Il problema è che molto spesso la loro presenza viene strumentalizzata per calunniare l’intero mondo delle opzioni ...
Perché i broker hanno sede a Cipro? Cipro, il purgatorio fiscale dei broker I trader che si apprestano a scegliere il broker con cui investire, si trovano di fronte alla necessità di analizzarne la struttura, l’offerta, le credenziali. A pochi sfugge un particolare: la maggior parte è insediata a Cipro, un paese che certo non brilla per la sua situazione economica. Un paese che però...
Broker opzioni binarie: perché sono importanti e quale scegliere Broker trading binario: come funzionano I broker opzioni binarie non godono di molta fama. Molte accuse, piuttosto generiche a dire il vero, vengono rivolte dai detrattori. Il senso comune tende ad attribuire agli intermediari un comportamento disonesto, ben oltre il limite della truffa. Va detto che alcuni media spingono per diffondere una percez...
www.24option.com quali i servizi offerti Cos’è www.24option.com 24option è uno dei più famosi broker di trading presenti nel web, che consente di operare sui principali asset: indici, azioni forex, materie prime, ecc. La piattaforma, fra le più performanti del mercato, è totalmente in lingua italiana e offre un servizio di assistenza completo. Appena registrato, l’utente viene contattato...