Broker e market maker: differenze e vantaggi

Differenza tra broker e market maker

Cadere in confusione quando pariamo di broker e market maker è piuttosto facile, come in genere accade a tutti i neofiti che si muovo nell’ambito degli strumenti finanziari. Vediamo allora di fare chiarezza su queste due nozioni e le relative differenze.

I broker appartengono a due categorie: ECN (Electronic Communications Network); Market Maker. Nel primo caso (ECN) abbiamo strumenti che si incaricano di un’attività di intermediazione: ottengono l’ordine dal cliente e individuano sul mercato un altro trader che intenda aprire una posizione contraria.

I profitti dei broker ECN sono il frutto delle commissioni applicate su ogni trade e di altre eventuali spese o commissioni (gestione del conto, prelievi eccetera). Diverso è il profilo che descrive i market maker.

I market maker rappresentano la controparte nei confronti del trader. In termini concreti accettano il trade aprendo la posizione contraria. Sono una sorta di banco per il trader: se questo guadagna dalla sua posizione, il market maker perde, mentre in caso contrario a perdere è il trader.

Questa cosa non esclude che anche gli ECN possano scegliere, per alcune operazioni, di intervenire da market maker, ad esempio quando sono convinti che aprire la posizione contraria risulti più conveniente che individuare la controparte sul mercato.

Broker ECN e market maker nelle opzioni binarie

Tra i broker forex alcuni operano come market maker, altri come ECN. Nel campo delle opzioni binarie, invece, raramente i broker possono operare da ECN. Il perché è da individuare nella natura stessa delle opzioni binarie: queste infatti non sono altro che un contratto che permette di assumere una scelta sull’andamento di un titolo, ma l’opzione non costituisce in sé stessa un titolo.

I broker di opzioni binarie non possono accedere sul mercato e individuare una controparte perché non vi è alcun mercato. L’unico ruolo che possono assumere è quindi quello di controparte.

Con l’acquisto di una opzione binaria il trader realizza una scommessa contro il broker, che quindi interpreta il ruolo di market maker. È grazie a questo tipo di logica che si ha l’opportuna di conseguire rendimenti del 70-85%. Tradotto in altre parole i broker di opzioni binarie realizzeranno un profitto con le perdite dei loro clienti.

Un broker produce un profitto a condizione che almeno il 50% delle posizioni di un trader scadano in perdita. I guadagni dei broker sono quindi il frutto di un calcolo delle probabilità che ha per oggetto gli interventi degli investitori.

Altre guide e consigli sul trading binario

Fare trading con opzioni binarie: come guadagnare online Trading opzioni binarie: le particolarità Il trading con le opzioni binarie è al centro di molte polemiche, l’accusa è di essere una semplice truffa a carico di qualche utente sprovveduto piuttosto che uno strumento di investimento. In parte la diffusione di questa convinzione è dovuta alla particolare struttura delle opzioni binarie, caratterizza...
Trading come si fa: gli strumenti necessari Trading come si fa: la cassetta degli attrezzi Il trading non è più un mondo lontano, appannaggio di qualche ricco investitore. Nel corso dell’ultimo decennio è divenuto un’attività aperta alle persone comuni, anche a quanti si approcciano per la prima volta alla realtà degli investimenti online. Questo grazie agli stravolgimenti “infrastrutturali”...
Come fare soldi con le opzioni binarie Fare soldi con il trading binario è possibile Le opzioni binarie sono una truffa? E’ questa, nell’immaginario collettivo, la prima domanda associata al trading. Addirittura alcuni programmi televisivi hanno cercato di dimostrare che il trading binario è pericoloso, un gigantesco imbroglio. Ciò non è vero, a patto di scegliere un buon broker. La ve...
Indicatore Alligator: come interpretare i segnali del mercato Alligator: l’indicatore a forma di coccodrillo Il panorama degli indicatori di analisi tecnica è vasto. Alcuni sono di difficile utilizzo, altri risultano più accessibili. La palma d’oro per l’indicatore più “strano”, però, va ad Alligator. Le stranezze sono due, una riguarda l’estetica, l’altra il meccanismo che ne determina il funzionamento. Dal ...
Giocare in borsa: guida per iniziare a investire Investire in borsa: cosa c’è da sapere Giocare in borsa, e soprattutto vincere, è il sogno di molti. Se lavorare è faticoso, investire in borsa non lo è, o almeno questo è quello che il sentire comune vorrebbe farci credere. E si tratta in effetti di un mito da sfatare, quanto meno parzialmente. Giocare in borsa è del resto un’espressione inapprop...
Effetto leva finanziaria: pro e contro Effetto leva finanziaria: cos’è e come funziona Il concetto di effetto leva finanziaria ricorre in economia aziendale ma è protagonista – con meccaniche leggermente diverse – soprattutto nel trading. E’ uno dei principali strumenti che i trader utilizzano per aumentare i propri profitti anche in situazioni non ottimali di liquidità. La leva finanz...