Broker e market maker: differenze e vantaggi

Differenza tra broker e market maker

Cadere in confusione quando pariamo di broker e market maker è piuttosto facile, come in genere accade a tutti i neofiti che si muovo nell’ambito degli strumenti finanziari. Vediamo allora di fare chiarezza su queste due nozioni e le relative differenze.

I broker appartengono a due categorie: ECN (Electronic Communications Network); Market Maker. Nel primo caso (ECN) abbiamo strumenti che si incaricano di un’attività di intermediazione: ottengono l’ordine dal cliente e individuano sul mercato un altro trader che intenda aprire una posizione contraria.

I profitti dei broker ECN sono il frutto delle commissioni applicate su ogni trade e di altre eventuali spese o commissioni (gestione del conto, prelievi eccetera). Diverso è il profilo che descrive i market maker.

I market maker rappresentano la controparte nei confronti del trader. In termini concreti accettano il trade aprendo la posizione contraria. Sono una sorta di banco per il trader: se questo guadagna dalla sua posizione, il market maker perde, mentre in caso contrario a perdere è il trader.

Questa cosa non esclude che anche gli ECN possano scegliere, per alcune operazioni, di intervenire da market maker, ad esempio quando sono convinti che aprire la posizione contraria risulti più conveniente che individuare la controparte sul mercato.

Broker ECN e market maker nelle opzioni binarie

Tra i broker forex alcuni operano come market maker, altri come ECN. Nel campo delle opzioni binarie, invece, raramente i broker possono operare da ECN. Il perché è da individuare nella natura stessa delle opzioni binarie: queste infatti non sono altro che un contratto che permette di assumere una scelta sull’andamento di un titolo, ma l’opzione non costituisce in sé stessa un titolo.

I broker di opzioni binarie non possono accedere sul mercato e individuare una controparte perché non vi è alcun mercato. L’unico ruolo che possono assumere è quindi quello di controparte.

Con l’acquisto di una opzione binaria il trader realizza una scommessa contro il broker, che quindi interpreta il ruolo di market maker. È grazie a questo tipo di logica che si ha l’opportuna di conseguire rendimenti del 70-85%. Tradotto in altre parole i broker di opzioni binarie realizzeranno un profitto con le perdite dei loro clienti.

Un broker produce un profitto a condizione che almeno il 50% delle posizioni di un trader scadano in perdita. I guadagni dei broker sono quindi il frutto di un calcolo delle probabilità che ha per oggetto gli interventi degli investitori.

Altre guide e consigli sul trading binario

Trading intraday: pro e contro Trading intraday o multiday: differenze Trading intraday: cos’è? L’investitore in erba è costretto ad affrontare quasi subito uno dei dilemmi che da sempre riguarda i trader: quale orizzonte temporale usare? È meglio tradare a breve o a lungo periodo? Una risposta in verità non esiste, anche perché l’approccio varia da trader a trader e si plas...
Guida al trading: scopri come investire online Guida al trading online: come iniziare ad operare nei mercati Con il temine trading si indica la compravendita di beni mobili e immobili che abbiano un mercato di riferimento. Si tratta quindi di un’attività che può riguardare le valute come le materia prime passando per tutti gli strumenti finanziari disponibili nel nostro paese (azioni, derivati,...
Come fare soldi con le opzioni binarie Fare soldi con il trading binario è possibile Le opzioni binarie sono una truffa? E’ questa, nell’immaginario collettivo, la prima domanda associata al trading. Addirittura alcuni programmi televisivi hanno cercato di dimostrare che il trading binario è pericoloso, un gigantesco imbroglio. Ciò non è vero, a patto di scegliere un buon broker. La ve...
Trading binario guida: come guadagnare? Quali strategie? Trading binario guida: come funziona il trading binario? Le opzioni binarie sono forse la modalità d’accesso più semplice e immediata per quanti vogliono fruire del trading online, data la loro semplicità d’impiego e gli interessanti margini di profitto, che in media si attestano intorno all’80%. Cerchiamo allora di comprendere esattamente cosa sia...
Cosa studiare per diventare trader: guida alla formazione Cosa bisogna studiare per diventare trader: un approccio necessario Cosa studiare per diventare trader? Non ci si può improvvisare trader. Alcuni principianti, magari traditi da un approccio alla pubblicità borderline e troppo ottimista, si cimentano senza un’adeguata preparazione. Il risultato è scontato: la perdita del capitale. Se è assodata la...
Trading online per chi comincia: le regole da seguire Trading online per principianti: attenzione ai lupi cattivi Trading online per chi comincia: da dove partire? Il trading online è ormai un’attività diffusa anche nella grande massa dei cittadini comuni, degli investitori non professionisti, di chi ha a disposizione solo piccoli capitali. È una svolta dovuta alla potenza del mezzo telematico ma che...