Broker e market maker: differenze e vantaggi

Differenza tra broker e market maker

Cadere in confusione quando pariamo di broker e market maker è piuttosto facile, come in genere accade a tutti i neofiti che si muovo nell’ambito degli strumenti finanziari. Vediamo allora di fare chiarezza su queste due nozioni e le relative differenze.

I broker appartengono a due categorie: ECN (Electronic Communications Network); Market Maker. Nel primo caso (ECN) abbiamo strumenti che si incaricano di un’attività di intermediazione: ottengono l’ordine dal cliente e individuano sul mercato un altro trader che intenda aprire una posizione contraria.

I profitti dei broker ECN sono il frutto delle commissioni applicate su ogni trade e di altre eventuali spese o commissioni (gestione del conto, prelievi eccetera). Diverso è il profilo che descrive i market maker.

I market maker rappresentano la controparte nei confronti del trader. In termini concreti accettano il trade aprendo la posizione contraria. Sono una sorta di banco per il trader: se questo guadagna dalla sua posizione, il market maker perde, mentre in caso contrario a perdere è il trader.

Questa cosa non esclude che anche gli ECN possano scegliere, per alcune operazioni, di intervenire da market maker, ad esempio quando sono convinti che aprire la posizione contraria risulti più conveniente che individuare la controparte sul mercato.

Broker ECN e market maker nelle opzioni binarie

Tra i broker forex alcuni operano come market maker, altri come ECN. Nel campo delle opzioni binarie, invece, raramente i broker possono operare da ECN. Il perché è da individuare nella natura stessa delle opzioni binarie: queste infatti non sono altro che un contratto che permette di assumere una scelta sull’andamento di un titolo, ma l’opzione non costituisce in sé stessa un titolo.

I broker di opzioni binarie non possono accedere sul mercato e individuare una controparte perché non vi è alcun mercato. L’unico ruolo che possono assumere è quindi quello di controparte.

Con l’acquisto di una opzione binaria il trader realizza una scommessa contro il broker, che quindi interpreta il ruolo di market maker. È grazie a questo tipo di logica che si ha l’opportuna di conseguire rendimenti del 70-85%. Tradotto in altre parole i broker di opzioni binarie realizzeranno un profitto con le perdite dei loro clienti.

Un broker produce un profitto a condizione che almeno il 50% delle posizioni di un trader scadano in perdita. I guadagni dei broker sono quindi il frutto di un calcolo delle probabilità che ha per oggetto gli interventi degli investitori.

Altre guide e consigli sul trading binario

Trading come business: investire e fare soldi? Trading: ecco perché è un business Con il trading è possibile guadagnare. Ovviamente, la strada non è affatto spianata, a dispetto di quello che alcune pubblicità lasciano intendere. Occorre preparazione ed esperienza. I risultati non arrivano subito, ma questo depone a favore della tesi secondo cui, checché ne dicano i detrattori, il trading è un’...
Trading con le opzioni binarie: come guadagnare? Trading: le particolarità delle opzioni binarie Il trading con le opzioni binarie presenta alcuni rilevanti elementi di diversità rispetto al trading “classico”, quello, per intenderci, che coinvolge azioni, materie prime e valute. I guadagni infatti non dipendono da un meccanismo di compravendita (il profitto non consiste nella differenza tra il p...
Consiglio Trading: l’uso e l’importanza della psicologia Come fare trading: una questione di testa I consigli da dare a chi da poco ha iniziato a fare trading sono numerosi. Forse è il caso soffermarsi su uno che è spesso ignorato, anche perché apparentemente di tecnico – e quindi complicato per definizione – non ha nulla. E’ un consiglio che ha a che fare con l’universo psicologico dei trader, ma che ri...
Trading intraday: pro e contro Trading intraday o multiday: differenze Trading intraday: cos’è? L’investitore in erba è costretto ad affrontare quasi subito uno dei dilemmi che da sempre riguarda i trader: quale orizzonte temporale usare? È meglio tradare a breve o a lungo periodo? Una risposta in verità non esiste, anche perché l’approccio varia da trader a trader e si plas...
Come riconoscere un broker regolamentato: due metodi Broker regolamentato: una questione importante Il capitolo “regolamentazione” è importante perché sancisce la linea di demarcazione tra truffa e onestà. È un confine arbitrario, anche perché non è detto che un broker privo di licenza sia per forza disonesto, ma è comunque molto utile per orientarsi in un panorama a volte complicato. A questo punto...
Indicatore Alligator: come interpretare i segnali del mercato Alligator: l’indicatore a forma di coccodrillo Il panorama degli indicatori di analisi tecnica è vasto. Alcuni sono di difficile utilizzo, altri risultano più accessibili. La palma d’oro per l’indicatore più “strano”, però, va ad Alligator. Le stranezze sono due, una riguarda l’estetica, l’altra il meccanismo che ne determina il funzionamento. Dal ...