Come fare trading da casa?

Come fare trading da casa, i requisiti per partire

Il trading online permette di eseguire la compravendita di titoli impiegando solo un computer e un accesso al Web. Sono i requisiti tecnici minimi per essere operativi, anche se ovviamente non rappresentano condizione sufficiente per trasformare quest’attività in una ragione di profitto. Permettono tuttavia pressoché a chiunque di fare trading comodamente da casa.

Con il trading online si compiono investimenti su mercati valutari e azionari. Oltre alla possibilità di condurre quest’attività da casa, l’utente consegue un risparmio sugli oneri associati alle commissioni.

Come fare trading da casa, la scelta del broker online

Dal punto di vista tecnico, una delle prime operazioni da compiere è costituita dall’individuazione del broker migliore, figura che può essere costituita anche dalla propria banca, nel caso ad esempio in cui associ ai servizi di base dell’home banking quelli relativi al trading online. In alternativa si può aprire un conto su un operatore specializzato e procedere nell’immissione degli ordini.

Il broker fornisce un software da installare sul proprio computer, così da disporre di tutte le funzioni avanzate in modo sintetico e pratico (chiaramente nessuna piattaforma è uguale all’altra e il livello di usabilità può variare in modo sensibile).

Grazie alle funzioni offerte dal broker, il trader potrà negoziare titoli e valute, ma anche selezionare il mercato desiderato.

Trading da casa: le istruzioni tecniche

La pressione pubblicitaria sta sortendo i suoi effetti: sempre più persone comuni decidono di intraprendere la carriera di investitori, magari comodamente seduti di fronte a una scrivania. La domanda sorge quindi spontanea: come fare trading online da casa? E’ così facile?

Quest’ultima domanda, in particolare, non è per nulla scontata dal momento che alcuni dubitano che si possano “fare i soldi” a distanza, dal proprio domicilio, praticamente senza alcuna fatica. L’affermazione sulla fatica è opinabile, ma il resto è vero, totalmente in linea con i contenuti pubblicitari (che per quanto invasivi ogni tanto ci azzeccano).

I passaggi da compiere sono sia di natura tecnica che più astratta. Il primo passo riguarda la scelta del mercato sul quale investire. La scelta è ampia e comprende le valute, le commodity (materie prime la cui qualità non dipende dal produttore), le azioni, i bond o, per i più esperti, i prodotti derivati, tra i quali spiccano sia le opzioni binarie che i Cfd.

Come fare trading: la scelta del broker

La seconda fase consiste nella scelta del broker. Con questo termine si indicano gli intermediari che consentono al trader di interfacciarsi con il mercato. Permettono, di fatto, l’esecuzione dei trade. Alcune realtà non proprio trasparenti possono remare contro i propri clienti, magari impedendo o rendendo difficili i prelievi.

Infine, è bene fare pratica con i conto demo, che permettono di simulare i trade nel mercato reale senza il rischio di perdere il capitale, dal momento che i crediti impiegati sono finti.

Alla fine, la risposta alla domanda come fare trading online da casa è molto semplice. Assai più difficile è capire come “farlo bene”, quindi con profitto.

Trading online da casa: il percorso formativo

Ovviamente, il compito del trader in erba non finisce qui. Ci vuole poco per iniziare a tradare, e allo stesso modo ci vuole poco per perdere il proprio capitale, sacrificandolo sulla via dell’impreparazione e dell’inesperienza.

Tra le leggi scritte che il principiante è tenuto a rispettare, spicca lo studio. E’ necessario studiare prima, dopo e durante il proprio esordio nel trading.

Per quanto riguarda la teoria, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Ma forse è proprio questo il problema: il materiale didattico, anche gratis, è così abbondante da generare disorientamento. E allora ecco che ad assumere una importanza enorme sono i forum e i blog, che consentono di confrontarsi con i trader esperti.

Anche affidarsi ai broker è una buona soluzione: molti di loro propongono videocorsi e seminari online utili per iniziare e affinare le proprie tecniche. Una cosa occorre sapere: la strada è lunga e quasi tutta in salita.

Trading online

Ma se in termini tecnici i requisiti sono piuttosto semplici da soddisfare, ve ne sono altri più complessi che interessano la competenza e l’esperienza del trader. Un investitore vincente, infatti, ha imparato la gestione delle perdite, e del capitale, per ogni operazione è consigliabile non eccedere mai la soglia del 5% delle proprie risorse globali.

Fattori determinati sono inoltre la motivazione e la determinazione. Prima di trovare una strategia efficace capita di dover sperimentare per ore approcci differenti. In queste sessioni vi possono essere anche perdite importanti. È cruciale quindi, in momenti del genere, restare sempre concentrati e non demotivarsi, pensando che nel lungo periodo le perdite saranno ripagate dai profitti.

Prima di rischiare le proprie risorse è consigliabile pensare a una strategia di trading esatta, rimanendo poi coerenti con questa e rinunciando alla fretta. Un altro errore frequente che coglie i trader alle prime armi è poi quello di farsi spaventare dai rischi e dallo stato di incertezza correlati al trading.

Allo stesso tempo è conveniente non intestardirsi in un investimento che non prende la piega prevista. Meglio ritirarsi subito piuttosto che incrementare il volume delle perdite (un avviso che vale soprattutto per gli scambi del mercato forex).

Per maggiori informazioni sul trading online, vi invitiamo a visitare gli altri articoli della nostra sezione dedicata alle Guide.

 

Altre guide e consigli sul trading binario

Come riconoscere un broker regolamentato: due metodi Broker regolamentato: una questione importante Il capitolo “regolamentazione” è importante perché sancisce la linea di demarcazione tra truffa e onestà. È un confine arbitrario, anche perché non è detto che un broker privo di licenza sia per forza disonesto, ma è comunque molto utile per orientarsi in un panorama a volte complicato. A questo punto...
Trading come secondo lavoro Trading online come secondo lavoro: i pro Il sogno di molti è vivere di rendita. A giudicare dalle pubblicità che girano online, sembra che la soluzione più semplice e immediata sia il trading. La realtà è ben diversa, almeno per la maggior parte degli investitori, e molti infatti si approcciano al trading online con la prospettiva di trovare un se...
Come fare trading binario online: i consigli da seguire Trading binario: di cosa si tratta Le opzioni binarie rappresentano uno strumento di investimento, o per meglio dire speculazione, in grande ascesa. Hanno saputo conquistare il grande pubblico in virtù di una offerta sempre più a misura di principiante, pensata da broker lungimiranti. Nonostante investire sia ora più semplice, sono in molti a chie...
Trading Binario Grafici a Candele Giapponesi: Cosa sono e come si usano Grafico a candela giapponese: Cos'è e come viene usato? Il grafico a candela giapponese viene spesso considerato come uno dei migliori grafici da utilizzare per tutti coloro che effettuano operazioni di trading online. Oramai quasi tutte le piattaforme offrono questo sistema di previsione, e saperlo leggere correttamente diventa fondamentale per u...
Trading come si fa: gli strumenti necessari Trading come si fa: la cassetta degli attrezzi Il trading non è più un mondo lontano, appannaggio di qualche ricco investitore. Nel corso dell’ultimo decennio è divenuto un’attività aperta alle persone comuni, anche a quanti si approcciano per la prima volta alla realtà degli investimenti online. Questo grazie agli stravolgimenti “infrastrutturali”...
Direttiva MIFID: uno strumento a tutela degli investitori Direttiva MIFID cos’è e a cosa serve C’è chi dice che il trading online non sia sicuro, che sia il territorio nel quale agiscono truffatori e imbroglioni. Tuttavia, come tutti gli investitori sanno, l’Unione Europa ha stabilito (ormai da molto tempo) delle normative in grado di tutelare gli investitori. Tra queste, spicca la direttiva MIFID, conos...