Come riconoscere un broker regolamentato: due metodi

Broker regolamentato: una questione importante

Il capitolo “regolamentazione” è importante perché sancisce la linea di demarcazione tra truffa e onestà. È un confine arbitrario, anche perché non è detto che un broker privo di licenza sia per forza disonesto, ma è comunque molto utile per orientarsi in un panorama a volte complicato. A questo punto la domanda da porsi è: come riconoscere un broker regolamentato? La risposta è duplice, e suggerisce l’esistenza di almeno due metodi. In verità, non c’è niente di difficile. E’ sufficiente sapere come muoversi e a cosa rivolgersi.

Individuare il possesso di una licenza valida, e quindi individuare il grado di regolamentazione che un broker offre, è un ottimo modo per discernere un broker buono da uno cattivo. E’ ovviamente il primo passo, dal momento che l’analisi deve spostarsi presto su altri elementi: l’offerta, la qualità dell’assistenza, la politica dei prelievi e dei depositi.

La risposta alla domanda come riconoscere un broker regolamentato è dopotutto semplice. Basta una connessione internet e qualche informazione di partenza. Nello specifico, i metodi sono due.

Riconoscere un broker regolamentato: l’analisi dei siti web

La prima soluzione è analizzare, o come minimo leggere attentamente, il sito ufficiale del broker. L’obiettivo è individuare l’eventuale riferimento alla licenza. I broker che possono vantarne una, soprattutto se prestigiosa, tendono a conferirle visibilità.

In genere, il testo in questione si trova nella pagina dedicata alle informazioni della società, che spesso ha come titolo “Chi siamo” o “Contattaci”. Sono sufficienti poche righe, con un riferimento chiaro all’ente regolatore e al numero della licenza, ed è possibile procedere con il passaggio successivo.

Broker trading online: l’ente regolatore

Il secondo passaggio, che può essere considerato come un metodo a sé stante, impone un deciso cambio di prospettiva. Il trader deve rivolgersi non al sito del broker, bensì a quello dell’ente regolatore. Se si possiede l’informazione di partenza, quindi se il nome dell’ente è stato individuato all’interno del sito ufficiale dell’intermediario, si può procedere con una controprova. Qualsiasi ente mette a disposizione la lista delle società poste sotto la sua egida, alla quale ha rilasciato la licenza.

Se non si possiede questa informazione di partenza, può darsi semplicemente che il broker possegga la licenza ma abbia deciso, per un motivo o per un altro, di non esporla sul sito. In questo caso, è possibile verificare l’eventuale presenza nella lista dell’ente, che in questo caso deve essere la Cysec: è l’istituzione più importante tra chi eroga le licenze, tutti i broker affidabili si rivolgono a questo ente (cipriota ma con una forte vocazione internazionale).

Altre guide e consigli sul trading binario

Trading Binario: novità previste dall’amministrazione Usa Le opzioni binarie di trading sono una sorta di scommessa sull'andamento di un certo titolo azionario; potenzialmente vi possono essere margini di guadagno notevoli. Il settore delle operazioni binarie rappresenta tuttavia un'area di rischio. Allo stesso tempo, una fonte di grandi guadagni sottoposta a una disciplina differente in ogni Stato. In pa...
Le tre regole per fare trading binario online Trading binario online: una scelta di budget Investire nel mercato del trading binario online significa utilizzare del denaro con l'obiettivo di trarne un guadagno. Come stabilire il budget giusto per fare trading? Ecco alcune regole da seguire. Le tre regole base per scegliere quanto investire nel trading binario online La scelta della cifra da...
Fare soldi con le opzioni binarie: trading vincente. Consigli su come fare trading con le opzioni b... Prima di parlare di fare soldi con le opzioni binarie qualche considerazione. Il trading online è una compravendita in rete di strumenti finanziari, come ad esempio titoli, azioni ed obbligazioni. Viene considerato una forma di gioco in quanto mette in campo diversi fattori: l'intuito dell'investitore, le capacità di ragionamento e la fortuna. ...
Trading quando vendere: consigli per asset e valute Trading consigli per chi commercia in asset Trading quando vendere: come guadagnare. La legge della domanda e dell’offerta regola le dinamiche di prezzo e quindi suggerisce i momenti in cui è bene comprare e i momenti in cui è bene vendere. Ad ogni modo, a prescindere dall’asset che viene commerciato, si verificano eventi che orientano in modo evi...
Guadagnare con le opzioni binarie: i consigli da seguire Opzioni binarie: altro che truffa Le opzioni binarie non godono di molta stima al di fuori della comunità dei trader. E’ opinione, infatti, che rappresentino una truffa. Un modo come tanti altri per illudere gli ingenui di poter fare soldi in poco tempo e senza nessuna fatica. Le opzioni binarie, in verità, rappresentano uno strumento per generare ...
Cosa studiare per diventare trader: guida alla formazione Cosa bisogna studiare per diventare trader: un approccio necessario Cosa studiare per diventare trader? Non ci si può improvvisare trader. Alcuni principianti, magari traditi da un approccio alla pubblicità borderline e troppo ottimista, si cimentano senza un’adeguata preparazione. Il risultato è scontato: la perdita del capitale. Se è assodata la...