Come riconoscere un broker regolamentato: due metodi

Broker regolamentato: una questione importante

Il capitolo “regolamentazione” è importante perché sancisce la linea di demarcazione tra truffa e onestà. È un confine arbitrario, anche perché non è detto che un broker privo di licenza sia per forza disonesto, ma è comunque molto utile per orientarsi in un panorama a volte complicato. A questo punto la domanda da porsi è: come riconoscere un broker regolamentato? La risposta è duplice, e suggerisce l’esistenza di almeno due metodi. In verità, non c’è niente di difficile. E’ sufficiente sapere come muoversi e a cosa rivolgersi.

Individuare il possesso di una licenza valida, e quindi individuare il grado di regolamentazione che un broker offre, è un ottimo modo per discernere un broker buono da uno cattivo. E’ ovviamente il primo passo, dal momento che l’analisi deve spostarsi presto su altri elementi: l’offerta, la qualità dell’assistenza, la politica dei prelievi e dei depositi.

La risposta alla domanda come riconoscere un broker regolamentato è dopotutto semplice. Basta una connessione internet e qualche informazione di partenza. Nello specifico, i metodi sono due.

Riconoscere un broker regolamentato: l’analisi dei siti web

La prima soluzione è analizzare, o come minimo leggere attentamente, il sito ufficiale del broker. L’obiettivo è individuare l’eventuale riferimento alla licenza. I broker che possono vantarne una, soprattutto se prestigiosa, tendono a conferirle visibilità.

In genere, il testo in questione si trova nella pagina dedicata alle informazioni della società, che spesso ha come titolo “Chi siamo” o “Contattaci”. Sono sufficienti poche righe, con un riferimento chiaro all’ente regolatore e al numero della licenza, ed è possibile procedere con il passaggio successivo.

Broker trading online: l’ente regolatore

Il secondo passaggio, che può essere considerato come un metodo a sé stante, impone un deciso cambio di prospettiva. Il trader deve rivolgersi non al sito del broker, bensì a quello dell’ente regolatore. Se si possiede l’informazione di partenza, quindi se il nome dell’ente è stato individuato all’interno del sito ufficiale dell’intermediario, si può procedere con una controprova. Qualsiasi ente mette a disposizione la lista delle società poste sotto la sua egida, alla quale ha rilasciato la licenza.

Se non si possiede questa informazione di partenza, può darsi semplicemente che il broker possegga la licenza ma abbia deciso, per un motivo o per un altro, di non esporla sul sito. In questo caso, è possibile verificare l’eventuale presenza nella lista dell’ente, che in questo caso deve essere la Cysec: è l’istituzione più importante tra chi eroga le licenze, tutti i broker affidabili si rivolgono a questo ente (cipriota ma con una forte vocazione internazionale).

Altre guide e consigli sul trading binario

Corso Opzioni Binarie: come scegliere il migliore Il trading online è un'attività a cui si dedicano sempre più persone: dopo un breve periodo di scetticismo iniziale, infatti, molti hanno scoperto che con il trading online si possono realmente realizzare profitti. D'altronde l'accesso alle piattaforme presenti sul web è stato reso estremamente facile: ci si può registrare in breve tempo versand...
Daily trading: un’opportunità per trader esperti Day trading: di cosa si tratta e a chi si rivolge Uno degli elementi che rende il trading online un’attività divertente oltre che potenzialmente molto proficua è la varietà. A disposizione del trader ci sono molti approcci e strategie, tutte capaci di dare i loro frutti ma indicate solo per determinate categorie di investitori. Il daily trading, in...
Trading binario forum: come sfruttarli al meglio Trading binario: come scegliere i forum Le opzioni binarie, nonostante vengano percepite dei più inesperti come un azzardo, non sono nient’altro che strumenti di investimento. Per questo richiedono costanza, impegno e aggiornamento costante. L’esigenza formativa è però sentita soprattutto dai trader principianti. C’è molta letteratura a riguardo, m...
Trading come si fa: gli strumenti necessari Trading come si fa: la cassetta degli attrezzi Il trading non è più un mondo lontano, appannaggio di qualche ricco investitore. Nel corso dell’ultimo decennio è divenuto un’attività aperta alle persone comuni, anche a quanti si approcciano per la prima volta alla realtà degli investimenti online. Questo grazie agli stravolgimenti “infrastrutturali”...
Come iniziare a fare trading online? Le origini del trading online Il Nuovo Regolamento CONSOB di attivazione del Testo Unico dei Mercati Finanziari, ha dato la possibilità praticamente a chiunque, di investire il proprio denaro in Borsa comodamente dalla propria abitazione. In altre parole chiunque, in tutta facilità dal divano di casa propria può fare soldi utilizzando un computer,...
Trading Binario con Postepay: Guida e opinioni Forex e trading binario per molte persone è ancora un mondo che fa un po' paura, lo scetticismo porta le persone a cercare un metodo di investimento dove non ci sia l'obbligo d'utilizzo dei propri dati bancari, e questo ha portato ad avere un posto d'onore in questo mondo alla Postepay. Una prepagata è un metodo facile e veloce per poter investi...