Mercati news: le future reazioni al “no” greco

Borse: l’apocalisse non arriverà

Uno dei motivi per i quali la crisi tra Grecia e Troika sta gettando tutti nel panico è la certezza (di alcuni commentatori) che il mercato reagirà in modo violento, che la speculazione finanziaria spingerà nel baratro le nazioni europee e via discorrendo. Vanno distinte però le previsioni tecniche dalle previsioni strumentali, che purtroppo ci sono e hanno una maggiore capacità di diffusione.

La domanda che tutti si pongono è: come reagiranno i mercati? Una risposta giunge dall’osservazione dei primi giorni successivi al “no” dei greci al referendum e dall’osservazione di questi mesi di trattativa inconcludente.

Fino a questo momento abbiamo assistito a un’altalena, soprattutto per quanto riguarda il mercato azionario. Ma se escludiamo i titoli greci, ovviamente coinvolti in prima linea, non è successo granché. Sì, il FTSE MIB ha perduto per strada qualche punto percentuale, ma ha dimostrato una certa capacità di rimbalzo. Anche nei due giorni successivi alla vittoria “referendaria” di Tsipras. Nonostante le Cassandre, la borsa italiana ha perso molto, ma non c’è stata alcuna catastrofe.

Questo vuol dire che non ci sarà l’apocalisse anche in caso di Grexit? La risposta è: probabilmente. I motivi sono due. Il primo è che la Grecia è, effettivamente, molto piccola. Pesa poco e dal punto di vista finanziario non smuove granché. Il secondo è che gli investitori, come fanno abitualmente, hanno scontato parzialmente il fallimento degli ellenici, dunque le conseguenze saranno ridotte. Per quanto riguarda la moneta, poi, calma piatta. Anzi, l’euro si è addirittura rinforzato!

Eppure non possiamo stare tranquilli. Se l’ambito finanziario non preoccupa, è quello politico a produrre le maggiori preoccupazioni. La Grexit infatti potrà fare seri danni sul fronte dei mercati (e non un semplice -4% del Ftse Mib) solo in un caso. Ecco quale.

Finanza: le ripercussioni della Grexit

A preoccupare è l’effetto domino non finanziario, ma politico. L’uscita della Grecia, per ora probabile ma non certo, crea un precedente. Verrà dimostrato che l’euro è tutt’altro che irreversibile e tra gli investitori inizierà a serpeggiare l’idea che, se la Grecia è uscita, potrebbe uscire anche l’Italia, il Portogallo, la Spagna e così via. Con una conseguenza: la fine dell’euro.

Questo timore, per ora in sottotraccia, potrà causare un ondata di vendite dei titoli italiani, azionari e non, e allora sì che gli speculatori avrebbero vita facile.

Questo scenario è probabile? Forse, ma la speranza è che la classe politica dominante sia consapevole del pericoli, e faccia di tutto per evitarlo. Anche perché evitarlo è facile: basta dare alla Grecia ciò che vuole, ossia la ristrutturazione del debito.

Altre guide e consigli sul trading binario

Trading forex per principianti Trading forex per principianti: come investire Il Forex è il mercato internazionale in cui sono scambiate le valute dei diversi paesi del mondo. Operare in questo settore può essere molto conveniente, ma è necessario conoscere bene le regole e le modalità di funzionamento per poter ottenere dei profitti. Vediamo tutti i dettagli relativi a trading ...
Migliori piattaforme Trading Online: novità aprile 2017 Quali sono le migliori piattaforme Trading Online del 2017? Chi vuole investire sui mercati finanziari deve usare i servizi offerti da un broker o un banca, che fungono da società di intermediazione. Cerchiamo quindi di presentare le migliori piattaforme trading online di aprile 2017. I parametri per definire le migliori piattaforme di tradin...
Si vince davvero con il trading opzioni binarie? Molto spesso nella nostra casella di posta elettronica arrivano comunicazioni in cui il mittente intende metterci al corrente di aver guadagnato migliaia di euro in pochi minuti, senza alcuno sforzo. Lo strumento da lui utilizzato è il trading sulle opzioni binarie e, naturalmente, anche noi siamo invitati a partecipare a quella che si preannunc...
Social trading eToro 2017: Opinioni e recensioni degli utenti Fare trading online è diventato, per molte persone, un vero e proprio secondo lavoro, per arrotondare lo stipendio o per ottenere guadagni supplementari, direttamente da casa propria. È anche vero, però, che non si tratta di una cosa semplice e che occorre informarsi e crearsi delle competenze di base per poter operare in maniera fruttuosa in quest...
Aumento di capitale. Le opportunità e i rischi del trading binario Negli ultimi anni il sogno dell'aumento di capitale ha contribuito alla crescita esponenziale del numero di trader sulle varie piattaforme per iniziare a operare in borsa. Sono moltissimi quelli che oggi riescono a fare soldi investendo sui mercati, grazie anche a piattaforme sempre più facili ed intuitive e alla richiesta di depositi minimi talvo...
Investire in diamanti conviene davvero? Ecco perché farlo Viene riconosciuto come bene rifugio per eccellenza, il diamante ha un valore altissimo contenuto in uno spazio estremamente piccolo. Il diamante è una pietra che pura arriva ad avere un valore pari ai 50 mila euro per grammo, decisamente di più rispetto all’oro che oggi si acquista intorno a 40 euro per grammo. Ma è realmente conveniente investi...