Trading tasse: costi e vantaggi degli investimenti

Trading senza tasse: un’utopia?

La questione trading tasse è apparentemente abbastanza complicata. In primis perché il legislatore negli ultimi anni ha trattato più volte questo argomento, modificando non solo il metodo di dichiarazione ma anche le aliquote.

Secondariamente, perché la dichiarazione dei guadagni derivanti dal trading segue regole diverse da quella che, invece, coinvolgono il classico reddito da lavoro.

Va specificato, tuttavia, che anche a seguito dell’ultima limatura legislativa operata dal Governo Renzi, la tassazione sul trading (trading tasse) è ben regolamentata. In breve, i tentativi di evasione fiscali rimangono – come per altre voci di reddito – ma oggi sono più facilmente tracciabili rispetto a ieri.

Trading Italia tasse: un chiarimento

Trading tasse: la normativa. I guadagni che derivano dal trading online figurano, stando alle disposizioni del legislatore italiano, come “capital gain”. Vengono assimilate, dunque, agli utili originati da qualsiasi attività finanziaria o di investimento.

Il prelievo fiscale viene effettuato a partire da una autodichiarazione. E’ il trader, quindi, a dichiarare quanto ha guadagnato e a procedere con il versamento dell’imposta a esso relativa. Un chiarimento doveroso riguarda l’imponibile.

Per “guadagno” si intende, ovviamente, la plusvalenza, quindi la differenza tra quanto è stato ricavato dall’attività di investimento e quanto è stato perso.

In linea di massima, dunque, l’importo da pagare è generalmente (e in termini assoluti) basso, ma solo perché – e questa è una cattiva notizia – sono pochi i trader che riescono a produrre profitti considerevoli, in media il 15%. E’ raro che i trader “per hobby”, quindi le persone comuni, si trovino a dover versare grosse somme.

L’aliquota relativa al capital gain si attesta stabilmente sul 26%. Tale percentuale è il risultato dell’ultimo intervento legislativo, effettuato dal Governo Renzi, che ha ampiamente rimaneggiato l’aliquota in vigore fino all’anno scorso, che si attestava invece intorno al 20%.

La dichiarazione non è difficile da effettuare. Il documento di riferimento è il Modello Unico. In particolare, occorre indicare il corrispettivo nella sezione II B al rigo RT 41, sotto la voce “redditi di diversa natura finanziaria”, come per altro illustrato dall’articolo 67 comma 1 lett. C bis C quinqes del TIUR. L’imposta va successivamente pagata con il modello F24.

La situazione si complica, tuttavia, se il trader opera per mezzo di un broker estero. In questo caso, la dichiarazione va dovuta all’IVAFE. Il contribuente, nella fattispecie, è chiamato a compilare la sezione RW del Modello Unico, poiché le attività di trading così concepite sono assimilate alle “attività finanziarie detenute all’estero IVAFE”.

Altre guide e consigli sul trading binario

Trading come professione: diventare un professionista? Fare trading come professione: i passi da seguire Il trading online consiste nella negoziazione di titoli, derivati, azioni, futures, valute e altri prodotti sui mercati finanziari, attraverso il Web. Il trading è considerato professione quando costituisce la principale attività del soggetto. Nel corso degli anni è cresciuto in modo notevole il num...
Si vince davvero con il trading opzioni binarie? Molto spesso nella nostra casella di posta elettronica arrivano comunicazioni in cui il mittente intende metterci al corrente di aver guadagnato migliaia di euro in pochi minuti, senza alcuno sforzo. Lo strumento da lui utilizzato è il trading sulle opzioni binarie e, naturalmente, anche noi siamo invitati a partecipare a quella che si preannunc...
Trading Bitcoin: che cos’è e come funziona la criptovaluta?   Trading Bitcoin: che cos'è? I Bitcoin sono una moneta, valuta virtuale, o criptovaluta introdotta nel mercato nel 2009 da un informatico conosciuto al mondo solo con un pseudonimo "Satoshi Nakamoto", per identificare tali monete i simboli più usati sono ฿ e BTC o XBT . In pochi anni ed in poco tempo è diventata la moneta elettronica più us...
Trading system, funzionano? Limiti e opportunità Trading: il problema dell’emotività Il trading comporta molti rischi che vanno oltre la semplice possibilità di perdita del capitale. C’è infatti un elemento che rappresenta un limite proprio della natura del trader, e con il quale è veramente difficile venire a patti: l’emotività. Fare trading è un’attività molto stressante, in grado di sopraffare...
Trading Binario Le Iene: Servizio sul forex truffa Diventare ricchi è il sogno di molti, diventarlo in modo facile e veloce ancora meglio. Spesso navigando nel web si trovano strade che sembrano semplici da percorrere e che portano ad un notevole incremento economico delle proprie finanze, ma purtroppo non sempre i sogni nascondono la realtà. Una di queste strade pubblicizzate nei siti internet è i...
Trading online Poste: servizi offerti e costi Trading Online Poste Italiane: cosa offre Nonostante non sia una banca (non in senso stretto) e non abbia il suo core business negli investimenti, Poste Italiane propone un interessante servizio di Trading Online. Scopriamone insieme le principali caratteristiche. L’offerta è variegata e, in un certo senso, anche piuttosto particolare. La caratter...