Trading tasse: costi e vantaggi degli investimenti

Trading senza tasse: un’utopia?

La questione trading tasse è apparentemente abbastanza complicata. In primis perché il legislatore negli ultimi anni ha trattato più volte questo argomento, modificando non solo il metodo di dichiarazione ma anche le aliquote.

Secondariamente, perché la dichiarazione dei guadagni derivanti dal trading segue regole diverse da quella che, invece, coinvolgono il classico reddito da lavoro.

Va specificato, tuttavia, che anche a seguito dell’ultima limatura legislativa operata dal Governo Renzi, la tassazione sul trading (trading tasse) è ben regolamentata. In breve, i tentativi di evasione fiscali rimangono – come per altre voci di reddito – ma oggi sono più facilmente tracciabili rispetto a ieri.

Trading Italia tasse: un chiarimento

Trading tasse: la normativa. I guadagni che derivano dal trading online figurano, stando alle disposizioni del legislatore italiano, come “capital gain”. Vengono assimilate, dunque, agli utili originati da qualsiasi attività finanziaria o di investimento.

Il prelievo fiscale viene effettuato a partire da una autodichiarazione. E’ il trader, quindi, a dichiarare quanto ha guadagnato e a procedere con il versamento dell’imposta a esso relativa. Un chiarimento doveroso riguarda l’imponibile.

Per “guadagno” si intende, ovviamente, la plusvalenza, quindi la differenza tra quanto è stato ricavato dall’attività di investimento e quanto è stato perso.

In linea di massima, dunque, l’importo da pagare è generalmente (e in termini assoluti) basso, ma solo perché – e questa è una cattiva notizia – sono pochi i trader che riescono a produrre profitti considerevoli, in media il 15%. E’ raro che i trader “per hobby”, quindi le persone comuni, si trovino a dover versare grosse somme.

L’aliquota relativa al capital gain si attesta stabilmente sul 26%. Tale percentuale è il risultato dell’ultimo intervento legislativo, effettuato dal Governo Renzi, che ha ampiamente rimaneggiato l’aliquota in vigore fino all’anno scorso, che si attestava invece intorno al 20%.

La dichiarazione non è difficile da effettuare. Il documento di riferimento è il Modello Unico. In particolare, occorre indicare il corrispettivo nella sezione II B al rigo RT 41, sotto la voce “redditi di diversa natura finanziaria”, come per altro illustrato dall’articolo 67 comma 1 lett. C bis C quinqes del TIUR. L’imposta va successivamente pagata con il modello F24.

La situazione si complica, tuttavia, se il trader opera per mezzo di un broker estero. In questo caso, la dichiarazione va dovuta all’IVAFE. Il contribuente, nella fattispecie, è chiamato a compilare la sezione RW del Modello Unico, poiché le attività di trading così concepite sono assimilate alle “attività finanziarie detenute all’estero IVAFE”.

Altre guide e consigli sul trading binario

Investire forex: come affrontare il mercato Investire Forex consigli: l’abbiccì L’avvento dell’era digitale ha spianato la strada a nuove forme di trading, come quelle online. Da questo punto di vista, la scena è dominata dal Forex, ossia dal commercio in valute. Investire Forex conviene? È veramente semplice come un certo tipo di messaggio pubblicitario suggerisce? La verità non è confo...
Trading Binario Online: Migliori Demo 2017 e Opinioni Nozioni di Trading Online Prima di esporre questo argomento è bene comprendere, cosa sia il trading binario. In sostanza fare trading binario significa speculare su un asset, riconosciuto in una valuta, un indice, una materia prima o anche un'azione. In parole semplici, la bravura del trader sta nel riuscire a prevedere se il valore di quel determ...
Segnali opzioni binarie: funzionamento e affidabilità Trading binario: cosa sono i segnali Man mano che il trading si è aperto al pubblico generalista, composto in prevalenza da non esperti, i broker hanno impostato le loro offerte puntando sempre più sul criterio della convenienza e della qualità delle proposte. Anche il supporto e l’assistenza, non solo tecnica, hanno conquistato nel tempo una loro ...
Trading binario: i migliori assets nel 2017 Negli ultimi tempi sta ottenendo un forte riscontro sia tra i trader professionisti che tra coloro che si affacciano per la prima volta a questa nuova realtà per trarre una fonte di guadagno. Il trading binario è caratterizzato dall’acquisto delle opzioni binarie, note anche con il termine di “opzioni digitali”. Il trader opera sul mercato, tene...
La giornata tipo di un trader forex Nel mondo del trading, come in molti altri settori lavorativi e non, la pianificazione e la dedizione sono due aspetti essenziali. Infatti per diventare un trader di successo bisogna non solo informarsi, studiare e aggiornarsi in continuazione, ma anche essere delle persone organizzate e ligie al dovere. Nel corso dell'articolo vi illustreremo,...
Migliori piattaforme Trading Online: novità aprile 2017 Quali sono le migliori piattaforme Trading Online del 2017? Chi vuole investire sui mercati finanziari deve usare i servizi offerti da un broker o un banca, che fungono da società di intermediazione. Cerchiamo quindi di presentare le migliori piattaforme trading online di aprile 2017. I parametri per definire le migliori piattaforme di tradin...