La Borsa italiana e internazionale

I titoli di borsa italiani e internazionali vengono scambiati all’interno del mercato azionario, che si divide in mercato:

  • primario, per le azioni di nuove emissione;
  • secondario, per le azioni già circolanti.

I titoli e gli indici di Borsa italiani e internazionali vengono scambiati all’interno delle Borse di tutto il mondo, è situata in Piazza Affari a Milano.

Quali sono gli indici di borsa italiani?

Gli indici costituiscono un paniere su uno specifico andamento di più titoli azionari. Più titoli di Borsa formano un indice.

Tra gli indici più importanti ci sono:

  • il FTSE MIB, uno dei più importante indici di benchmark dei mercati azionari italiani. Costituisce l’80% della capitalizzazione di mercato interna ed è formato dalle 40 società maggiori;
  • l’FTSE IT All Share, che dal 2009 sostituisce il MIBTEL, ed è composto dall’insieme degli indici FTSE MIB, FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia Small Cap;
  • il FTSE IT Star, l’indice che comprende S.p.a di medie dimensioni, ossia con capitalizzazione di massimo un miliardo di euro. L’indice include un totale di 70 società;
  • il FTSE IT Mid Cap, che include le prime 60 società, che non appartengono al FTSE MIB;
  • il FTSE IT Small Cap, l’indice che riguarda i titoli azionari con bassa capitalizzazione, composto da 123 società, che comprendono il 4% della capitalizzazione attuale di tutta la Borsa Italiana.

Quali sono gli indici di Borsa internazionali?

Nella Borsa mondiale gli indici più rilevanti sono i seguenti:

Dow Jones

E’ l’indice più importante della borsa di New York chiamato così grazie al fondatore Charles Dow, padre dell’analisi tecnica statunitense. Il Dow Jones rappresenta le 30 imprese industriali americane più grandi.

Nasdaq

Acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation. E’ il primo indice di mercato borsistico elettronico mondiale. Questo indice nasce a Wall Street il 5 febbraio 1971.

S&P 500

L’indice è stato ideato nel 1957 da Standard & Poor’s, l’agenzia di raiting e segue l’andamento delle 500 società statunitensi capitalizzate maggiormente.

Quest’indice è il più utilizzato, al fine di rilevare i trend del mercato azionario americano.

Nikkei 225

Rappresenta l’indice della Borsa di Tokyo (TSE) e comprende i 225 titoli azionari delle maggiori compagnie nipponiche capitalizzate.

DAX 30

Acronimo di Deutsche Aktien Xchange 30, è l’indice di riferimento della Borsa tedesca e contiene i 30 titoli di aziende con la migliore capitalizzazione.

FTSE 100

Acronimo di Financial Times Stock Exchange, nasce il 3 gennaio 1984. Costituisce l’indice azionario delle 100 maggiori società più capitalizzate quotate nel London Stock Exchange.

CAC 40

Acronimo di Cotation Assistée en Continu della Borsa parigina. E’ uno degli indici più rilevanti del sistema Euronext. Questo rappresenta le 40 aziende a maggior capitalizzazione.

Tipologie di indici

Gli indici si dividono in quattro categorie:

  • equally weighted,  in cui tutti i titoli hanno un peso dello stesso valore;
  • price weighted: contrassegnati dal valore dato al titolo in base al prezzo specifico;
  • value weighted: si basa sul peso di ogni titolo in modo proporzionale alla conseguente capitalizzazione di Borsa;
  • di sostenibilità: la particolarità di questi indici è costituita dalla derivazione anglosassone e sono tra i più in voga. Pesano su ogni titolo, in base a principi economici e di grandezza.

Le funzioni principali della Borsa

La Borsa ha l’obiettivo di:

  • monitorare il corretto svolgimento delle negoziazioni dei titoli;
  • stabilire i requisiti e le procedure da adottare per le società e gli intermediari;
  • gestire l’informativa per le società quotate.

Altre guide e consigli sul trading binario

Glossario trading binario: l’importanza di usare la terminologia corretta Glossario trading binario Asset Chiamati anche sottostanti, il termine indica il bene finanziario sul quale le piattaforme di trading costruiscono l’opzione binaria. Le azioni, gli Indici di Borsa, le materie prime, le coppie di valuta (Forex), ecc… sono asset. Broker Con questo termine si intendo le piattaforme di trading che stabiliscono q...
Convertire il cambio valuta Convertire il cambio valuta è necessario per poter effettuare in tempo reale il cambio di specifiche valute e sapere quindi il relativo tasso. Questo perché il tasso di cambio è un elemento determinante per  il mercato del forex trading. Cambio Valuta: che cos'è e come funziona Con il termine cambio di valuta si intende la negoziazione di due ...
Indicatore MACD Per guadagnare con le opzioni binarie è necessario utilizzare delle strategie specifiche, come l'uso dell’indicatore MACD. Indicatore MACD: che cos'è? Il MACD (Moving Average Convergence-Divergence) è un indicatore tecnico inventato da Gerald Appel nel 1970. E' solo nel 1986 che Thomas Aspray aggiunge il grafico della divergenza al MACD, per s...
Migliori indicatori trading con opzioni binarie Nel trading online ogni azione dovrebbe essere compiuta per ottenere un guadagno e dovrebbe essere frutto di studiate strategie per opzioni binarie. Tuttavia per metterle in pratica nel migliore dei modi bisogna conoscere alcuni indicatori trading utili per guidare sia i trader più esperti sia i neofiti. Indicatori trading in opzioni binarie I...
Bande di Bollinger Perché i grafici sono importanti nel trading binario? Nel momento in cui ci si approccia al mondo del trading online è importante avvalersi di alcuni indicatori, generati automaticamente dalla funzione di creazione di grafici offerto dai broker di opzioni binarie. Di conseguenza è importante registrarsi solo con broker di opzioni binarie che fo...
PIL: cos’è e perché è importante nel trading online? Spesso si parla di PIL, anche per l'importanza che tale dato ha per l'economia di uno Stato. In effetti si tratta di un indicatore molto importante per capire lo stato di salute economica di un Paese e che, come tale, può fornire indicazioni anche per un settore come il trading online. Proprio per questo motivo in prossimità dell'uscita dei dati...