La Borsa italiana e internazionale

I titoli di borsa italiani e internazionali vengono scambiati all’interno del mercato azionario, che si divide in mercato:

  • primario, per le azioni di nuove emissione;
  • secondario, per le azioni già circolanti.

I titoli e gli indici di Borsa italiani e internazionali vengono scambiati all’interno delle Borse di tutto il mondo, è situata in Piazza Affari a Milano.

Quali sono gli indici di borsa italiani?

Gli indici costituiscono un paniere su uno specifico andamento di più titoli azionari. Più titoli di Borsa formano un indice.

Tra gli indici più importanti ci sono:

  • il FTSE MIB, uno dei più importante indici di benchmark dei mercati azionari italiani. Costituisce l’80% della capitalizzazione di mercato interna ed è formato dalle 40 società maggiori;
  • l’FTSE IT All Share, che dal 2009 sostituisce il MIBTEL, ed è composto dall’insieme degli indici FTSE MIB, FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia Small Cap;
  • il FTSE IT Star, l’indice che comprende S.p.a di medie dimensioni, ossia con capitalizzazione di massimo un miliardo di euro. L’indice include un totale di 70 società;
  • il FTSE IT Mid Cap, che include le prime 60 società, che non appartengono al FTSE MIB;
  • il FTSE IT Small Cap, l’indice che riguarda i titoli azionari con bassa capitalizzazione, composto da 123 società, che comprendono il 4% della capitalizzazione attuale di tutta la Borsa Italiana.

Quali sono gli indici di Borsa internazionali?

Nella Borsa mondiale gli indici più rilevanti sono i seguenti:

Dow Jones

E’ l’indice più importante della borsa di New York chiamato così grazie al fondatore Charles Dow, padre dell’analisi tecnica statunitense. Il Dow Jones rappresenta le 30 imprese industriali americane più grandi.

Nasdaq

Acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation. E’ il primo indice di mercato borsistico elettronico mondiale. Questo indice nasce a Wall Street il 5 febbraio 1971.

S&P 500

L’indice è stato ideato nel 1957 da Standard & Poor’s, l’agenzia di raiting e segue l’andamento delle 500 società statunitensi capitalizzate maggiormente.

Quest’indice è il più utilizzato, al fine di rilevare i trend del mercato azionario americano.

Nikkei 225

Rappresenta l’indice della Borsa di Tokyo (TSE) e comprende i 225 titoli azionari delle maggiori compagnie nipponiche capitalizzate.

DAX 30

Acronimo di Deutsche Aktien Xchange 30, è l’indice di riferimento della Borsa tedesca e contiene i 30 titoli di aziende con la migliore capitalizzazione.

FTSE 100

Acronimo di Financial Times Stock Exchange, nasce il 3 gennaio 1984. Costituisce l’indice azionario delle 100 maggiori società più capitalizzate quotate nel London Stock Exchange.

CAC 40

Acronimo di Cotation Assistée en Continu della Borsa parigina. E’ uno degli indici più rilevanti del sistema Euronext. Questo rappresenta le 40 aziende a maggior capitalizzazione.

Tipologie di indici

Gli indici si dividono in quattro categorie:

  • equally weighted,  in cui tutti i titoli hanno un peso dello stesso valore;
  • price weighted: contrassegnati dal valore dato al titolo in base al prezzo specifico;
  • value weighted: si basa sul peso di ogni titolo in modo proporzionale alla conseguente capitalizzazione di Borsa;
  • di sostenibilità: la particolarità di questi indici è costituita dalla derivazione anglosassone e sono tra i più in voga. Pesano su ogni titolo, in base a principi economici e di grandezza.

Le funzioni principali della Borsa

La Borsa ha l’obiettivo di:

  • monitorare il corretto svolgimento delle negoziazioni dei titoli;
  • stabilire i requisiti e le procedure da adottare per le società e gli intermediari;
  • gestire l’informativa per le società quotate.

Altre guide e consigli sul trading binario

Aumento di capitale. Le opportunità e i rischi del trading binario Negli ultimi anni il sogno dell'aumento di capitale ha contribuito alla crescita esponenziale del numero di trader sulle varie piattaforme per iniziare a operare in borsa. Sono moltissimi quelli che oggi riescono a fare soldi investendo sui mercati, grazie anche a piattaforme sempre più facili ed intuitive e alla richiesta di depositi minimi talvo...
Il trading binario in Italia: tendenza e attività delle migliori piattaforme italiane. Le operazioni di trading binario in Italia sono state oggetto di molto interesse per le loro caratteristiche possibilità di alti guadagni. Il trading binario è una forma di investimento su strumenti finanziari derivati. Visto il rischio delle operazioni, si tratta di un settore altamente regolamentato dalla Consob, un ente regolamentatore nel se...
Calendario economico Il calendario economico è uno strumento piuttosto utile e funzionale per effettuare trading online. Vediamo di cosa si tratta. Grazie a questo strumento è possibile rimanere sempre aggiornati su eventi e news che possono modificare e influire nei mercati finanziari. Il trader viene avvisato quotidianamente per poter pianificare gli investimen...
Indicatore MACD Per guadagnare con le opzioni binarie è necessario utilizzare delle strategie specifiche, come l'uso dell’indicatore MACD. Indicatore MACD: che cos'è? Il MACD (Moving Average Convergence-Divergence) è un indicatore tecnico inventato da Gerald Appel nel 1970. E' solo nel 1986 che Thomas Aspray aggiunge il grafico della divergenza al MACD, per s...
Regolamento Opzioni binarie Le opzioni binarie sono degli strumenti di investimento scambiate tramite web. Si tratta di uno strumento finanziario giovane, dato che è possibile dal 2008. Tale scambio è detto over-the-counter, ossia può essere svolto solo con un broker opzioni binarie Risulta chiaro che per scambiare opzioni binarie in Italia è necessario che si segua un ...
Derivati Finanziari Derivati Finanziari: cosa sono Con il termine derivati finanziari si intende un contratto che esegue prestazioni monetarie in base all’andamento del prezzo di un’attività sottostante finanziaria di qualsiasi tipologia. E' strettamente legato al concetto, espresso dal termine inglese commodity derivatives, che fa riferimento ad attività sottosta...